Nell'accollo cumulativo la solidarietà non comporta automaticamente sussidiarietà.

In caso di accollo cumulativo ai sensi dell’art. 1273 c.c., il vincolo di solidarietà sussistente tra accollante e accollato non comporta automaticamente il beneficio d’ordine a favore del secondo, non essendo possibile estrarre, dagli indici normativi somministrati dal Codice civile, una categoria dommatica di obbligazioni solidali ad interesse unisoggettivo in cui la solidarietà degrada sempre in sussidiarietà e ciò in quanto a differenza di quanto previsto in altre ipotesi in cui il Legislatore espressamente ha previsto la previa richiesta (art. 1268 co. II c.c.) o la previa escussione (art. 1944 c.c.), nulla è stabilito nella disciplina dell’accollo senza che detta omissione debba essere colmata in via analogica. Ne conseguirà che il creditore potrà chiedere indifferentemente il pagamento all’accollato o all’accollante.

Top