I. Avviso di iscrizione a ruolo nel “presso terzi”: la notifica deve essere effettuata entro e non oltre la data dell’udienza indicata nell’atto di citazione introduttivo del procedimento espropriativo di crediti

Massima a cura di:
Alessandro Auletta
Giudice dell’esecuzione presso il Tribunale di Napoli Nord in Aversa

L’avviso di iscrizione a ruolo di cui all’art. 543, comma 5, c.p.c., come riformato, deve essere notificato – a pena di inefficacia del pignoramento - entro e non oltre la data indicata nell’atto di citazione; tenuto conto della ratio della norma (che va individuata nell’esigenza di stabilire una barriera temporale oltre la quale il terzo, in mancanza della diligente coltivazione della procedura da parte del procedente, può liberare le somme pignorate), il termine in questione ha natura perentoria e la notifica dell’avviso assume la funzione di atto di impulso; per la medesima ragione, non opera il principio della scissione degli effetti della notifica, la cui applicazione, nel caso di specie, comporterebbe la frustrazione della ratio della disposizione; per altro verso, la tesi per cui l’attività in questione debba essere compiuta entro l’udienza di comparizione “effettiva” fonda sul presupposto che l’avviso in questione assolva alla funzione di “conoscenza della data di udienza”, funzione che, però, è già assolta dall’atto di pignoramento, i successivi eventuali differimenti dell’udienza dovendo essere comunicati alle parti del procedimento secondo le modalità indicate dalla legge.

Riferimenti Normativi

Top